Il Potere delle Parole


Nella vita di tutti i giorni comunicare dovrebbe essere semplice come respirare, mangiare o ricaricare le energie attraverso il sonno.

Ma «Comunicare» non significa semplicemente «informare»

vuol dire «Entrare in Relazione».


Ci sono momenti e circostanze della vita in cui le parole riescono a diventare pesanti come pietre e taglienti come coltelli, in altre situazioni le parole salvano, consolano, coccolano, scaricano tensioni e generano energia, trasformandosi in autentica terapia.

Le parole creano: hanno il potere straordinario di cambiare la realtà e di modificare profondamente il nostro pensiero.

Il nostro stile di relazione e di comunicazione, può essere portatore tanto di disturbi e di disagio quanto di benessere e di gioia.



Nell’arco di tutta la storia dell’Uomo è presente il concetto della luce che crea (dal latino «fiat lux» che ricorre nella Genesi), del fuoco che genera il mondo e della parola che si fa carne, sostanza, materia.

La parola quindi che diventa persona.


Del resto «la parola ha lo stesso potere fecondante della cellula seminale», scrive Florenskij, teologo russo: "Proprio come il seme maschile attraverso la fecondazione genera una nuova persona, così la parola seminata nel cervello dà origine a nuovi modi di vivere e di pensare".

I Cinesi consideravano le parole come «il seme del mondo», e per questo facevano molta attenzione prima di pronunciarle, perché ritenevano che a ogni organo del corpo corrispondesse un suono e che a ogni suono fosse legata una malattia: «ogni parola pronunciata risuona in tutto il corpo, e ogni parola è il corpo stesso».

Per questo possiamo affermare che noi diventiamo realmente le parole che pronunciamo, che abbiamo ascoltato e che continuiamo ad ascoltare;

Ad esempio: Se una madre continua a ripetere al figlio, per sua natura non troppo espansivo, che è un «ragazzino timido e scontroso», la timidezza e l’essere scontroso si radicherà concretamente nel comportamento del bambino e lo farà suo anche da adulto

Parliamo tanto, parliamo troppo, parliamo spesso in modo casuale e inutile, giusto per dire qualcosa e riempire con frasi banali un silenzio che ci fa paura. Viviamo immersi in un mondo votato alla comunicazione, alla chiacchiera, sempre e dovunque: in famiglia, nella coppia, sul lavoro, in televisione, sui social…… ovunque dominano i dibattiti e scontri su qualunque argomento.

Eppure oggi più che mai, sorgono sempre maggiori difficoltà nel interagire con noi stessi e con il nostro prossimo. Parlarsi addosso, continuare a lamentarsi, polemizzare, sono tutte abitudini molto più nocive di quanto si possa credere.


Nominando continuamente le cose negative, finiremo per trasformare il nostro stato d’animo, convincendoci della negatività e attirarle finendo per farle accadere.

Un detto famoso recita: «Dimmi come parli» e ti racconto come strutturi i tuoi pensieri.«Dimmi a cosa pensi» e ti racconto come strutturi la tua vita.

Riempiamo le conversazioni con parole distruttive, le sentiamo dire in ogni momento: «ma, no, non so, non posso, non ci riesco, speriamo, chissà, tanto non, ormai, forse, vedremo, ecc».


Uno studio condotto presso l’università di Londra ha scoperto che l'uso sistematico di parole negative finisce per causare un'alterazione dei livelli ormonali stimolando il rilascio di cortisolo, un ormone dello stress.



Le parole che usi diventano la casa in cui vivi.

Cambiamo le parole e cambieremo il mondo, perché la nostra parola è il nostro mondo.

La nostra lingua è molto ricca. Disponiamo di migliaia di parole tra cui scegliere, quindi non c'è alcuna necessità di utilizzare continuamente delle parole che hanno una connotazione negativa.

La parola è un "condensatore della volontà e dell’attenzione". Non esistono parole ascoltate o pronuncia che non lasciano traccia o che: «Entrano da un orecchio ed escono dall’altro».

Tutte le parole, e in particolare le parole sbagliate, producono delle ricadute: seminano scorie e condizionamenti, generano atteggiamenti che ci complicano l’esistenza e ci intossicano la mente.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti